Solo

La legge non ammette ignoranza.

Il lavoro non ammette ignoranza.

L’amore non ammette ignoranza.wpid-wp-1407251660210.jpeg

L’amicizia non ammette ignoranza.

Non lo sapevi ? Non e’ possibile .

Non credevi ? Dovevi capirlo .

Non ti e’ stato detto ? CI dovevi arrivare da solo.

Solo sempre solo.

Solo da quando nasci a quando muori.

Solo a combattere le tue guerre, a coltivare i tuoi sogni e a nutrire le tue speranze.

Potrebbe andare diversamente ?

No non puo’.

Chiedimi perche’ io non mi fido di nessuno ora.

Gli Altri

Piccola mia,

Scrivo queste cose perché non voglio dirtelo. Non voglio farti diventare cinica come lo sono diventata io e nemmeno voglio che il tuo modo di vedere il mondo sia condizionato dalle mie esperienze.

All’alba di 37 anni ho finalmente abbandonato l’idea che si possa contare sull’approvazione degli altri. Non è quasi mai disinteressata. Difficile incontrare qualcuno che sia felice per i tuoi successi ma soprattutto è praticamente impossibile che qualcuno i tuoi successi li capisca.

Ed allora le scelte sono due: o cerchi di conformarti a tutti, oppure te ne sbatti dell’essere di moda e vai per la tua strada.

Se basi la tua felicità sugli altri sarai delusa piccola mia. Perché alla fine della storia le persone che hanno bisogno di qualcuno che le apprezzi finiscono sempre, per qualche logica perversa di un destino che vuole divertirsi un po’, circondate da chi questo apprezzamento, per una ragione o per l’altra, non è in grado di esprimerlo.

Prima ci soffri, ti sbatti e combatti per guadagnarne l’attenzione, per un cazzo di “sono orgoglioso di te”. Poi invece il riflesso negli occhi degli altri è spesso solo la prova di quanto nonostante tutto un tuo sbaglio vinca sempre su mille tue conquiste. Ed ogni difetto abbia più valore di cento tuoi pregi.

Quindi ti eviterei la trafila volentieri amore mio. E vorrei saperti spiegare come te stessa sia in assoluto la migliore amica che hai.

Ai Miei Piedi

wpid-20140602_103424.jpg

Ma chi mai ha pensato di scrivere qualcosa per i propri piedi? Sembra quasi una follia, sembra come sentirsi estranei al proprio corpo, una schizofrenia corpo-mente.

Io lo faccio, con piacere. Perché poi alla fine sono sempre loro a sorreggermi. In inglese si dice che per capire qualcuno si dovrebbe provare a camminare con le sue scarpe. Niente di più vero. E le scarpe prendono la forma del piede.

Ci sono piedi piatti, ben saldi per terra. E piedi che a terra toccano proprio poco, come i miei, che sembra sempre siano li’ pronti per spiccare il volo. Tesi. Ma voi, miei piedi, siete sempre stati piedi da ballerina. Non da tango, non da discoteca, non da ginnasta. Piedi di quel genere di ballerina che non ha bisogno di tacchi ma di terra calda.

Una ballerina il cui sogno è ballare a piedi nudi sull’erba sotto la luna, sulle foglie secche, sulla sabbia.

 

Piedi miei domani sarete messi si nuovo dentro una paio di trappole luccicanti. Come il mio stomaco, come il mio cervello, come il mio cuore.

Ma io vi giuro che verrà il momento in cui ci metteremo a correre su un prato solo per il gusto di farlo e  perché abbiamo il tempo di farlo.

Ci sono piedi che hanno bisogno di volare su dodici centimetri. Ed altri che vogliono solo tornare a fare quello che hanno fatto in altre vite e per mille anni.

Camminare.

Se

Se si potesse aprire la scatola del cuore e far vedere come è fatta.
Se si potesse essere considerati intelligenti a tal punto da poter ascoltare e comprendere tutto.

image

Se non si evitasse di parlare degli argomenti più difficili e più dolorosi e si capisse che l’unico modo per affrontarli è assieme a chi ci ama.
Se si capisse che da soli non si vale un quarto di quanto si vale in due.
Se si avesse il coraggio di mettere veramente tutto sulla bilancia e capire cosa vale di più in una vita.
Se si comprendesse che scegliere quello che si vuole è un impegno ed un dovere non solo nei confronti di se stessi.
Probabilmente non saremmo umani.

Come Tutti

Pazza.

Me l’hanno sempre detto.

Perché non fai come tutti gli altri?

Non ci riesco. Non sono capace. Non ho mai provato.

La spiegazione è semplice. Non mi disturba quello che è diverso. Mi affascina. Ho sempre pensato che anche per gli altri fosse la stessa cosa.

Ecco forse la presunzione è sempre stata questa: pesare di avere ragione. Nonostante le critiche di genitori, amici, conoscenti. Ho sempre continuato per la mia strada.

La pazza. La bugiarda. L’incoerente. Quella che fa la strana per forza. La borderline. L’anoressica. La compulsiva. La fissata. La confusa. La codarda. L’incosciente. wpid-images.jpeg

Probabilmente se fossi vissuta negli anni cinquanta mi avrebbero rinchiuso da qualche parte, probabilmente ne sarei uscita pazza veramente.

Ho avuto perfino vergogna di essere così. Mi ricordo ancora lo sguardo delle donne di famiglia che sembravano chiedersi se avrei mai messo la testa a posto. Se le mie idee strampalate avessero prima o poi fine.

Con la paura di prendere la mia strada ho sbagliato percorso. Ho fatto le scelte sbagliate ed invidio che ha ancora l’età per scegliere il proprio sogno, che sia lavorare in un ufficio, insegnare, girare il mondo con un circo.

Fortunatamente la mia anima si è dimostrata sempre più forte di tutto e tutti. Nonostante la calma apparente dentro di me brucia lo stesso fuoco da sempre.

Ed ora che non mi fa più paura il futuro posso dire che alla fine quello che si disprezza è quello che non si può controllare.

E se così disprezzatemi tutti.

Unico e Solo Dio

“Ciò che domina, quello che comanda, oggi non è l’uomo, è il denaro. I soldi comandano. Dio nostro padre ha dato il compito di custodire la terra non ai soldi, a noi: gli uomini e le donne. Così uomini e donne vengono sacrificati all’idolo del consumo e del guadagno”

image

Eppure anche stasera davanti alla tv, al bar, per le strade e sui muri di San Paolo,  nelle favelas, nelle pubblicità, sui giornali e soprattutto nelle case italiane ha vinto lui.

Non si ferma il dio denaro.